Presentazione

Lorem Ipsum
Lorem Ipsum
Lorem Ipsum

L'orgoglio di una tradizione che dura da oltre 170 anni

L'archivio Storico Riva raccoglie un inestimabile patrimonio documentale, filmico, fotografico e di oggetti attraverso i quali è possibile ripercorrere un capitolo importante della storia della nautica da diporto mondiale e scoprire, in modo unico e inimitabile, gli oltre 170 anni di storia di uno dei cantieri nautici più antichi al mondo.

Perfettamente conservati e catalogati, attraverso un minuzioso e paziente lavoro di schedatura secondo i più alti standard europei previsti per questo genere di attività, i materiali dell'Archivio Storico Riva sono ripartiti in quattro nuclei principali: immagini, filmati, documenti e oggetti, che, al loro interno, raccolgono fotografie, negativi, diapositive, stampe in bianco e nero e a colori, filmati, in 16 e 35 millimetri (in parte muti e in parte sonorizzati), progetti, disegni originali, cataloghi, listini, materiale promozionale, manifesti, oltre a una raccolta di oggetti storici, tra cui accessori e componenti d'arredo delle imbarcazioni, che oggi sono diventati veri e propri oggetti di culto per tutte le persone che amano lo stile, il design e l'"arte industriale".

Si tratta di un archivio unico al mondo, un tesoro in continua crescita che gode, da un lato, dei contributi sempre nuovi e preziosi che derivano dall'attività di ricerca e sviluppo dello staff Riva - mirata soprattutto alla ricostruzione delle vicende storiche, al recupero dei materiali conservati dentro e fuori al cantiere e alla raccolta delle testimonianze più preziose dei personaggi che hanno contribuito all'affermazione di Riva in tutto il mondo - e, dall'altro, di numerosi fondi privati, tra cui lo stesso Ing. Riva, l'Arch. Barilani - penna storica del cantiere Riva, Mauro Micheli - designer di tutte le imbarcazioni Riva dai 33 ai 164 piedi, Andrea Fustinoni - attraverso l'ospitalità densa di emozioni e ricordi del Grand Hotel Miramare di Santa Margherita Ligure, e lo stesso Norberto Ferretti, che, per primo ha messo a disposizione dell'Archivio Riva materiali inediti e preziosi.